Il Master Universitario in “Diritto e Management dello Sport” si propone di formare esperti in diritto sportivo e management dello sport, in grado di svolgere attività di consulenza, rappresentanza e/o assistenza dinanzi agli organi di giustizia sportiva, contrattualistica e procedure arbitrali sportive per conto di soggetti operanti nell’ambito sportivo, professionistico e dilettantistico, management sportivo all’interno di federazioni, società ed organizzazioni sportive.

Il Master si indirizza a sbocchi occupazionali eterogenei, riferibili sia a lavoro di tipo autonomo che di tipo subordinato, correlati e non correlati allo status di soggetto dell’ordinamento sportivo. Trattasi di esperti di diritto dello sport, manager e dirigenti di aziende che operano in settori merceologici correlati all’ambito dello sport, dirigenti di società, associazioni sportive, e altri enti facenti parte a vario titolo dell’ordinamento sportivo.

Il piano didattico è articolato in 210 ore di lezioni frontali e 30 ore distribuite tra laboratori, esercitazioni e seminari. Le attività di stage e tirocinio si svolgono normalmente nei mesi di maggio, giugno, luglio, agosto e settembre, e sono finalizzate a mettere in campo le competenze acquisite nel corso delle attività di didattica frontale, nonché a sperimentare progetti di lavoro finalizzati alla preparazione della tesi finale.

Il master intende sviluppare conoscenze e competenze relative all’asse culturale dei linguaggi e formare la figura professionale del formatore per la didattica della comunicazione che si occupi di:

- progettazione didattica attraverso l'uso di linguaggi e strumenti multimediali;

- progettazione e impiego di strumenti e strategie di valutazione che prevedono l'integrazione di linguaggi multimediali;

- attivazione di  processi di analisi dei testi mediali e multimediali;

- progettazione e comunicazione di prodotti culturali attraverso strumenti multimediali;

- progettazione e gestione  di un curriculum multimediale nel sistema-scuola;

- gestione di attività di monitoraggio e valutazione di un processo formativo.

Formare “Esperti in Posturologia e Biomeccanica” in grado di poter interagire con altre figure professionali in un’ottica di Medicina Integrata.La specifica formazione in Valutazione Posturale Strumentale, potrà essere sfruttata immediatamente in ambito lavorativo, consentendo l’utilizzo di apparecchiature non invasive di ultima generazione, ad esempio per verificare il poligono d’appoggio (Stabilometria) in ausilio agli Specialisti in disordini dell’equilibrio e dell’udito.L’apprendimento nei vari moduli, di metodiche preventive, rieducative e riabilitative, nell’ambito delle Disfunzioni Posturali, consentirà, secondo la specifica classe di laurea di provenienza, una moderna e qualificata opera di assistenza.La Posturologia è certamente Prevenzione ed opera principalmente nello stadio disfunzionale.